CATANIA: COMMISSARIATO LIBRINO ARRESTATI DUE SPACCIATORI

Nel primo pomeriggio di ieri, personale della Polizia di Stato, ha arrestato i catanesi MATERA Carmelo (classe 1983) e SANFILIPPO Antonino Marco (classe 1997), per detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo marjuana in concorso.

In particolare, intorno alle ore 14, nell’ambito di predisposti servizi tesi ad infrenare il dilagante fenomeno del consumo e dello spaccio di sostanze stupefacenti, attuati dal Commissariato Librino, personale della squadra investigativa, si portava presso il Viale Grimaldi 18.

Nello specifico, gli operanti, appostati a debita distanza, svolgevano attività di osservazione, notando la presenza di due giovani, già noti ai poliziotti ed identificati per i suddetti arrestati, i quali smerciavano stupefacenti svolgendo rispettivamente il MATERA, il ruolo di pusher, in quanto veniva notato detenere una busta contenente verosimilmente sostanza stupefacente, mentre il SANFILIPPO, il ruolo di vedetta e di procacciatore di clienti, in quanto stazionava nel piazzale antistante il cancello d’ingresso della palazzina e, oltre ad avvertire il MATERA circa l’eventuale presenza di forze dell’ordine, indirizzava, altresì, gli acquirenti all’interno del vialetto, dove avrebbero ricevuto lo stupefacente dal complice, il quale, cedeva le singole dosi attraverso un’inferriata posta a sua protezione.

Trattavasi, pertanto, di un modus operandi collaudato che garantiva da tempo l’impunità degli stessi atteso che le possibilità di sorprenderli nella flagranza risultavano alquanto difficoltose in ragione del fatto che il pusher, all’interno del complesso condominiale, ad ogni minimo segnale di allerta, fuggiva riparandosi all’interno della palazzina, dove peraltro vive.

Gli operatori, dopo avere appostato personale in abiti borghesi nel complesso condominiale, sfruttando l’effetto sorpresa, riuscivano tuttavia a bloccare sia lo spacciatore sia la vedetta, trovando il primo, in possesso di circa una decina di dosi di marijuana, confezionata con della carta argentata, per complessivi grammi 25 circa; pertanto, si procedeva all’arresto di entrambi.

Dopo gli adempimenti di rito, gli arrestati, su disposizione del PM di turno presso la locale Procura della Repubblica, venivano accompagnati presso le loro abitazioni, per ivi rimanere ristretti in regime di arresti domiciliari, in attesa della celebrazione della rito direttissimo previsto per la mattinata odierna, presso il locale Tribunale.