CATANIA: AVVIATE LE PROCEDURE DI STABILIZZAZIONE E DI MOBILITÀ

Avviate all’Asp di Catania le procedure di stabilizzazione (per 158 precari) e di mobilità (per la copertura di 193 posti).

«Con le stabilizzazioni e la mobilità del personale – afferma il dr. Giuseppe Giammanco, direttore generale dell’Asp di Catania – abbiamo dato il via al primo step delle procedure di reclutamento del personale secondo quanto stabilito dal decreto Madia e in linea con le indicazioni dell’Assessorato regionale alla Salute che, con una direttiva, ha dato un deciso impulso alle procedure, ha garantito l’uniformità dei processi e ha aiutato le strutture di tutte le Aziende della Regione. Concluso questo primo momento il secondo step sarà quello dei concorsi pubblici».

  1. La procedura di stabilizzazione, avviata oggi con delibera n. 1018,(http://albopretorio.aspct.it/albopretorio/Main.do?id=2817263&MVPG=AmvAlboDettaglio)riguarda il personale che sia in possesso dei requisiti previsti dai commi 1 e 2 dell’art. 20 del Dlgs 75/2017*.

Per determinare i posti disponibili da destinare alle assunzioni a tempo indeterminato del personale precario, è stata dapprima effettuata la ricognizione del personale e successivamente è stato rimodulato il Piano triennale 2018-20 del fabbisogno di personale.

«Ringrazio la Direzione amministrativa, la Direzione sanitaria e il Personale che sta sostenendo questa complessa attività – aggiunge il dr. Giammanco -. Abbiamo già arruolato 227 risorse professionali, fra personale dirigenziale e di comparto. Questo nuova fase consentirà di dare ancora maggiore stabilità ai servizi. Rivolgo il mio grazie anche alle organizzazioni sindacali che hanno condiviso con noi una programmazione rigorosa che punta al miglioramento dei servizi e delle performance aziendali».

Le stabilizzazioni saranno effettuate nel triennio 2018-2020, nella cornice normativa definita, da ultimo, dal decreto legge 75/2017, il cosiddetto “decreto Madia”, e nel rispetto delle direttive emanate dall’Assessorato Regionale alla Salute.

Gli avvisi per le stabilizzazioni, che saranno pubblicati integralmente sul sito internet dell’Asp di Catania e, per estratto, sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Sicilia (GURS), serie concorsi, e sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana (GURI), serie concorsi – sono finalizzati alla copertura di:

-          72 posti dirigente medico di varie discipline; 6 posti di dirigente sanitario farmacista e 62 posti di personale di comparto (varie figure professionali) – secondo le previsioni del comma 1, art. 20, del “decreto Madia”;

-          4 posti di dirigente medico di varie discipline; 5 psicologi; 5 collaboratori professionali sanitari (vari profili); 1 assistente sociale; 3 dirigenti ingegneri – secondo le previsioni del comma 2, art. 20, del “decreto Madia”.

MOBILITÀ.La procedura di mobilità volontaria attivata, per titoli e colloquio, tra enti del Comparto sanità, con priorità alla mobilità regionale, è finalizzata alla copertura di 51 posti di dirigente medico (27 Medicina e chirurgia d’accettazione e urgenza – MCAU; 14 Anestesia e rianimazione, 10 Radiodiagnostica); 27 posti di tecnico della prevenzione negli ambienti e nei luoghi di lavoro; e 115 posti di Operatore socio sanitario (OSS).

Il relativo avviso è stato pubblicato sulla GURS, serie concorsi, n. 1 del 26 gennaio 2018, e sulla GURI, serie concorsi, n. 19 del 6 marzo 2018.

Per l’ammissione alla selezione gli aspiranti devono compilare ed inviare l’istanza di partecipazione in via telematica, a pena di esclusione, utilizzando la specifica applicazione informatica disponibile sul sito internet dell’Azienda (www.aspct.it – sezione bandi di concorso) seguendo le relative istruzioni formulate dal sistema informatico.

Il termine utile per la presentazione delle domande di partecipazione scade alle ore 23.59 del 5 aprile.

AVVISI STRAORDINARI.Per rispondere alle necessità dell’area dell’emergenza sono stati, inoltre, pubblicati diversi avvisi di reclutamento straordinario per dirigenti medici di MCAU, Anestesia e rianimazione, Ostetricia e ginecologia; e per dirigente psicologo da destinare alla REMS.

 

* Per la stabilizzazione secondo il comma 1 dell’art. 20 del Dlgs 75/2017 (Superamento del precariato nelle pubbliche amministrazioni), il personale precario deve essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • risulti in servizio successivamente alla data di entrata in vigore della legge n. 124/2015 (ossia 28.08.2015) con contratti a tempo determinato presso l’amministrazione che procede all’assunzione;
  • sia stato reclutato a tempo determinato, in relazione alle medesime attività svolte, con procedure concorsuali anche espletate presso amministrazioni (del servizio sanitario) diverse da quella che procede all’assunzione;
  • abbia maturato, al 31 dicembre 2017, anche presso amministrazioni (del servizio sanitario) diverse da quella che procede all’assunzione, almeno tre anni di servizio, anche non continuativi, negli ultimi otto anni.

Per la stabilizzazione secondo il comma 2, il personale precario deve essere, invece, in possesso dei seguenti requisiti:

  • risulti titolare, successivamente alla data di entrata in vigore della legge n. 124/2015, di un contratto di lavoro flessibile presso l’amministrazione che bandisce il concorso;
  • abbia maturato, alla data del 31 dicembre 2017, anche presso amministrazioni (del servizio sanitario) diverse da quella che procede all’assunzione, almeno tre anni di contratto di lavoro flessibile, anche non continuativi, negli ultimi otto anni.