ACIREALE (CT): Presentazione del libro “Sola con te in un futuro aprile” di Margherita Asta

Per domenica 8 maggio alle 10 “Libera – Presidio delle Aci “Pierantonio Sandri” ha organizzato la presentazione del libro “Sola con te in un futuro aprile” di Margherita Asta che porterà la sua testimonianza di lotta alla mafia.
L’incontro sarà moderato da Vincenzo Barbagallo, reportert, insieme a studenti acesi impegnati nel volontariato.

Appuntamento per Domenica 8 maggio, a partire dalle ore 10, presso la sala “ex Angolo di Paradiso” all’interno della villa Belvedere di Acireale (CT).

Margherita Asta​La scheda dell’autrice

Margherita Asta è nata a Trapani nel 1974. Ha perso la madre e i suoi due fratelli nella strage di PIzzolungo. Oggi vive a Parma, dove è referente del settore memoria di Libera per l’area centro-nord. Combatte contro la mafia raccontando in giro per l’Italia la storia di Barbara, Salvatore e Giuseppe, vittime innocenti.

La storia della strage di Pizzolungo e di Margherita Asta
Il 2 aprile del 1985 Margherita ha soltanto dieci anni. La sua casa di Pizzolungo, a Trapani, al mattino è invasa dalla confusione allegra di Salvatore e Giuseppe, i suoi fratelli, gemelli di sei anni. Non vogliono saperne di vestirsi e Margherita non vuole fare tardi a scuola. Chiede un passaggio a una vicina. I gemelli usciranno con l’utilitaria della mamma Barbara. Nello stesso istante due macchine della scorta vanno a prendere un magistrato. Si chiama Carlo Palermo e viene da Trento, dove ha indagato su un traffico di morfina proveniente dalla Turchia. Un fiume di droga che serve a finanziare altri traffici, armi soprattutto, e che produce altri soldi, che si intrecciano col giro delle tangenti della politica. Quando Palermo arriva a sfiorare Craxi la sua indagine arriva al capolinea. Da Trento, il giudice si fa trasferire a Trapani, dove la morfina turca viene raffinata in eroina. Per continuare a indagare su mafia, massoneria e politica. Sul lungomare di Pizzolungo le auto della scorta sfrecciano, non possono rallentare e quella utilitaria con una donna e due bambini seduti dietro va troppo piano. La sorpassano. Parcheggiata sul ciglio della strada c’è una golf con venti chili di tritolo nel bagagliaio. Qualcuno preme il tasto di un telecomando. È l’inferno. Carlo Palermo viene sbalzato fuori, è sotto choc ma si salva. Di Barbara Asta e dei piccoli Giuseppe e Salvatore restano solo frammenti.